La diatreta di Capodanno

diatreta
Coppa diatreta Trivulzio © Milano Archeologia

Sapete già come e dove festeggiare il Capodanno? Vi siete organizzati con la famiglia o con gli amici per trascorrere questa bella festa in compagnia?

Noi della redazione di Archeostorie abbiamo almeno una certezza: ci piacerebbe, prima o poi, brindare all’anno nuovo con un buon vino versato in una coppa diatreta, oggetto considerato tra più lussuosi della tarda antichità.

Cos’è una diatreta

Il nome diatreta deriva dal greco diàtretos, e significa ‘perforato’: indica la lavorazione a reticolo di questi oggetti realizzati soprattutto tra III e IV secolo d.C. dai maestri diatretarii renani che intagliavano il vetro con un’abilità pari solo a quella degli orefici.

Quando parliamo di diatrete, dunque, facciamo riferimento a coppe bicolore con una parte inferiore avvolta appunto da un reticolo in vetro e una superiore che, appena sotto il bordo del bicchiere, reca spesso una scritta – sempre in vetro – in latino o in greco. Una scritta che invita alla convivialità.

Un buon esempio è la famosissima diatreta Trivulzio, detta così dalla famiglia che la conservava nella sua collezione prima di cederla al Museo archeologico di Milano: la scritta Bibe, vivas multis annis, e cioè ‘Bevi, vivrai molti anni’, esorta l’ospite a godere dei piaceri del simposio.

Poiché si trattava di tazze senza piede, spesso erano vendute in abbinamento a una base incavata chiamata angoteca, una specie di un supporto su cui appoggiare le coppe perché non cadessero. Questo poteva essere in legno ma più spesso era in metallo pregiato, e cioè in bronzo, in argento o in oro. Le diatrete, insomma, erano oggetti di pregio, e per questo si trovavano solo tra i servizi da tavola delle classi sociali più elevate.

Volete saperne di più sulle coppe diatreta? Come e dove venivano prodotte? E perché ne parliamo ancora oggi?

Per soddisfare la vostra curiosità, ascoltate la nuova puntata di Archeoparole (cliccate sul player). A noi di Archeostorie non resta che dire… in alto le diatrete! Si brinda al 2019!

Ascolta il podcast dedicato alle coppe diatreta

Ascolta “02 – La diatreta di Capodanno” su Spreaker.

Autore

  • blank

    Archeo-giornalista e ambientalista convinta, vede il recupero della memoria e la tutela del paesaggio e del territorio come due facce complementari di una stessa medaglia. Scrive per raccontare quello che ama e in cui crede. Per Archeostorie, coordina la sezione Archeologia & Ambiente ed è responsabile degli audio progetti. Nel tempo libero (esiste?) scatta foto, legge e pratica Aikido. c.boracchi@archeostoriejpa.eu

Iscriviti alla nostra newsletter



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here