Iscriviti alla nostra Newsletter

Past, L'umanesimo che sa raccontare

25 novembre. All’Archeritivo si parla di violenza contro le donne con Silvia Romani

25 Novembre 2020
La violenza contro le donne è alla base della mitologia occidentale. Ne abbiamo parlato stasera con Silvia Romani, Docente dell'Università Statale di Milano

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne di quest’anno, abbiamo raddoppiato l’Archeritivo settimanale con una puntata speciale. Il nostro Francesco Nocito ha intervistato Silvia Romani, docente di Religioni del mondo classico e Mitologia classica all’Università Statale di Milano. Tema: le radici della violenza di genere nel mito e nella storia antica.

Romani è infatti co-autrice, insieme all’attrice Elisabetta Vergani e alla musicista Sara Calvanelli, della pièce teatrale  Lucrezia e le altre, dal mito le origini della violenza di genere (da poco anche un film) che racconta come la violenza contro le donne sia connaturata nel mito e sia alla base della stessa cultura occidentale. Apollo e Dafne, Crono e Gea sono solo alcuni dei protagonisti di uno spettacolo che, senza esprimere alcun giudizio, ripercorre i racconti coi quali siamo cresciuti con l’obiettivo di renderci tutti più consapevoli.

Violenza di genere: stereotipi antichi che sopravvivono oggi

“Colpisce che le donne antiche siano convinte della legittimità della violenza”, afferma Romani parlando per esempio del ratto delle Sabine, uno dei miti su cui si fonda l’intera storia di Roma. Convincimenti e stereotipi che durano purtroppo ancora oggi. Durante la chiacchierata si è parlato anche molto dell’attualità e dei fatti di cronaca recente: di un presente in cui molti uomini e donne continuano a sentirsi in dovere di giustificare e accettare la violenza di genere, nonostante i tempi e il contesto siano molto cambiati rispetto a quelli del mito.

Ma non esistono proprio esempi positivi da cui prendere spunto per evolverci? “Forse Ettore”, continua Romani. Il principe, ed eroe difensore della città di Troia, pare aver instaurato con la moglie Andromaca un rapporto di affetto autentico. O almeno, così pare leggendo i versi di Omero.

Come cambiare un sistema radicato da millenni? Come provare a (ri)educare gli uomini e le donne di oggi? “Credo profondamente che l’umanità debba essere nutrita di consapevolezza, e che serva una visione comunitaria. La rete di amicizie femminili e l’educazione nelle scuole possono fare moltissimo”.

E’ stata una chiacchierata veramente importante. Se l’avete persa, potete rivederla cliccando qui.

Guarda l’Archeritivo con Silvia Romani

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Archeostorie (@archeostorie)

Autore

  • Archeo-giornalista e ambientalista convinta, vede il recupero della memoria e la tutela del paesaggio e del territorio come due facce complementari di una stessa medaglia. Scrive per raccontare quello che ama e in cui crede. Per Archeostorie, coordina la sezione Archeologia & Ambiente ed è responsabile degli audio progetti. Nel tempo libero (esiste?) scatta foto, legge e pratica Aikido.

Condividi l’articolo sui social

Lascia un commento

0 commenti

Lascia un commento!