You are Leo: street tour su Leonardo da Vinci, tra storytelling e tecnologia

you are Leo, visita guidata
Il visore per la realtà virtuale di You are Leo. © Angelo Grillo

Ascoltare Leonardo da Vinci in persona che ti parla della ‘sua’ Milano – luogo in cui ha abitato per vent’anni – mentre osservi stupito il Duomo in costruzione. Quasi toccarla, la Milano quattrocentesca di Leonardo, non perché indossi un visore di ultima generazione, ma perché è proprio Leonardo a farti da guida, è lui a parlarti. Lui che, come un amico, un complice, un confidente, ti racconta le sue vicende e le sue fatiche nel ducato degli Sforza.

E’ questo – e non il mero utilizzo della tecnologia – il vero valore aggiunto di You are Leo, visita guidata, a metà tra il reale e il virtuale, inserita nel vastissimo palinsesto delle iniziative meneghine per celebrare i cinquecento anni dalla morte del genio del Rinascimento.

You are Leo
Narrazione leggera ma documentatissima: è questa la caratteristica di You are Leo. © You are Leo

Uno street tour che conferma quanto anche noi di Archeostorie pensiamo e diciamo da tempo, e cioè che i dispositivi elettronici, da soli, non bastano a divulgare i beni culturali in modo ‘nuovo’. Per trasmettere dei concetti in modo efficace, creando un’esperienza immersiva ed emozionante, un evento ‘pop’ e al passo coi tempi, bisogna innanzitutto costruire una bella narrazione con un filo conduttore molto preciso. Come per l’appunto in questo caso dove è la narrazione che conta: la tecnologia è un suo strumento e non la protagonista.

Come funziona You are Leo

Il tour è una passeggiata di un’ora e mezza per strade solitamente poco battute di Milano, con ritrovo in piazza Duomo sotto i portici del Museo del Novecento. Si ripercorrono così i (probabili) passi di Leonardo proprio nel sestiere da lui più frequentato, quello di Porta Vercellina, una delle sei ‘zone’ in cui era divisa la città rinascimentale e il cui impianto stradale è rimasto immutato nei secoli.

Al momento della partenza, la guida di Ad Artem – società impegnata da 25 anni nella valorizzazione dei beni culturali attraverso tour guidati – fornisce a ciascun partecipante una radiolina con auricolare per ascoltare la spiegazione anche in mezzo alla confusione dell’estate milanese, e un visore per la realtà virtuale.

You are Leo
L’uso del visore nelle 5 tappe prestabilite rende più efficace la visita guidata. © Angelo Grillo

Naturalmente, il visore non viene indossato per tutto il tragitto (sarebbe pericoloso) ma solo ed esclusivamente una volta raggiunte cinque tappe ben precise: Piazza del Duomo, Palazzo Reale, la Pinacoteca ambrosiana, l’incrocio tra via Carducci e corso Magenta (dove sorgeva la Porta Vercellina) e la chiesa di Santa Maria delle Grazie, nel cui refettorio si trova L’Ultima cena. Il suo utilizzo integra la spiegazione della guida e la rende ancora più efficace.

You are Leo: tecnologia e narrazione

In questi punti, infatti, grazie alle ricostruzioni virtuali che si ammirano tramite i visori, i partecipanti vengono catapultati nella città di Ludovico Sforza detto il Moro. E, come già accennato, la voce narrante è proprio quella di Leonardo che in un’immaginaria conversazione col visitatore racconta – con un speakeraggio molto ben fatto – pochi ma significativi episodi del suo soggiorno milanese.

Leonardo, You are Leo
La voce narrante è proprio quella di Leonardo da Vinci. © You are Leo

I principali argomenti di cui ‘Leonardo’ parla sono la mancata fusione del gigantesco cavallo di bronzo promesso al duca, il ruolo dell’artista come ritrattista di corte, le difficoltà nella realizzazione del Cenacolo. 

L’esperienza leonardesca è a cura della startup WAY – We Argument You, società di comunicazione per i beni culturali. I discorsi di Leonardo, in particolare, sono veramente molto curati: documentatissimi e allo stesso tempo leggeri, accattivanti, emozionali…

Proprio come piace a noi di Archeostorie che, tra l’altro, proprio di recente abbiamo avuto modo di sperimentare un approccio simile nella realizzazione dell’audioguida per la visita delle metope del Santuario di Hera alla foce del Sele conservate al Museo di Paestum.

Insomma: se vi capita di trascorrere qualche giorno a Milano tra agosto e settembre, non perdetevi You are Leo per nulla al mondo!

Info

I tour di You are Leo si svolgono tutti i giorni, in italiano e in inglese, fino al prossimo 30 settembre. Due volte la settimana – il martedì e il venerdì – sono previste due visite guidate serali.

Si prenota online direttamente sul sito di You are Leo. Il costo del biglietto intero è di 25,00 euro.

Iscriviti alla nostra newsletter



Articolo precedente6. Argilla bianca
Prossimo articolo7. Il vaso di bronzo
blank
Archeo-giornalista e ambientalista convinta, vede il recupero della memoria e la tutela del paesaggio e del territorio come due facce complementari di una stessa medaglia. Scrive per raccontare quello che ama e in cui crede. Per Archeostorie, coordina la sezione Archeologia & Ambiente ed è responsabile degli audio progetti. Nel tempo libero (esiste?) scatta foto, legge e pratica Aikido. c.boracchi@archeostoriejpa.eu

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here