Isole Orkney: un patrimonio che sta letteralmente precipitando in mare

Skara Brae, isole Orkney
Skara Brae, insediamento neolitico nelle isole Orkney difeso dalla costa da un possente muro - foto Dave Sutherland

Le nostre coste sono a rischio erosione: innalzamento del livello del mare e tempeste le stanno distruggendo sempre più. E con loro anche i siti archeologici costieri: testimonianze della nostra storia e del millenario rapporto tra l’uomo e il mare stanno svanendo per sempre.

Lo sappiamo, lo diciamo da tempo, ma vedere le incredibili immagini delle isole Orkney fa riflettere. Lassù al nord il problema è molto più pressante che da noi. Dal 1970 a oggi, l’erosione avviene a un ritmo doppio rispetto al passato. E se già da tempo alle Orkney i siti più importanti sono stati protetti da possenti muri, gran parte del loro immenso patrimonio archeologico sta letteralmente precipitando in mare.

Tutto ciò ha anche vantaggi: le tempeste a volte svelano quel che non era ancora venuto alla luce. Salvo però poi inghiottirlo per sempre. Ecco perché è in atto uno sforzo titanico per studiare e documentare quanto più possibile. Alle Orkney lavorano archeologi da tutto il mondo a ritmo febbrile.

Dovrebbe accadere anche altrove, finché si è ancora in tempo. E invece noi continuiamo a dormire sonni tranquilli…

Storie dalle Orkney e immagini strepitose le trovate qui: Saving Scotland’s Heritage From the Rising Seas – The New York Times

Autore

  • blank

    ​Tre passioni: il mondo antico, la scrittura, i viaggi. La curiosità e l’attrazione per ciò che è diverso perché lontano nello spazio, nel tempo o nel pensiero. La voglia di condividere con tanti le belle scoperte quotidiane. Condividerle attraverso la scrittura. Un solo mestiere possibile: la giornalista che racconta il passato del mondo. Scrive su temi di archeologia, comunicazione dei beni culturali, uso contemporaneo del passato, turismo culturale per i quotidiani La Repubblica e Il Sole 24 ore, e per diverse riviste italiane e straniere. Dirige il Magazine e il Journal di Archeostorie.

Iscriviti alla nostra newsletter



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here