Archeostorie si rinnova

12 Gennaio 2021
Anno nuovo vita nuova. Archeostorie si presenta con una veste web rinnovata. Ora la sua doppia anima ha due siti dedicati: Magazine e Studio

È un rito, è vero. Tutti noi usiamo il volgere dell’anno per rinnovare qualcosa nel nostro mondo o in noi stessi. Ci serve a spronarci e migliorarci. Quest’anno Archeostorie ha celebrato il passaggio con una veste web tutta diversa. Più agile e snella. Soprattutto più chiara.

Cosa abbiamo fatto? Abbiamo sdoppiato il sito web. La nostra duplice anima, prima condensata in un solo sito, è ora divisa tra il Magazine che ben conoscete e il suo ‘braccio operativo’, L’arte di comunicare l’arte.

Teoria e pratica di Archeostorie

Per noi teoria e pratica sono una cosa sola, indissolubile. Col Magazine indaghiamo il mondo della comunicazione e gestione dei beni culturali e della storia; nel Journal, la nostra rivista scientifica, analizziamo le forme e il ruolo dell’archeologia nella nostra società; i nostri libri ci servono a riflettere sugli strumenti del nostro mestiere. Poi però dobbiamo sperimentare le nostre idee sulla comunicazione dei beni culturali. Dobbiamo valutare la loro efficacia, e riflettere sul loro valore e significato sulla base di dati concreti.

La nostra è insomma da sempre una filosofia hands on, un voler ‘sporcarsi le mani’, provare e riprovare in un work in progress continuo. Cominciamo a sperimentare già nel Magazine con i Racconti curati da Giorgia Cappelletti, o i Podcast ideati da Chiara Boracchi. E poi ci tuffiamo nel mondo.

Cantastorie

Siamo cantastorie: crediamo che le storie siano lo strumento migliore per emozionare, per avvicinare il passato al presente, e abbattere ogni barriera culturale. Con le storie provochiamo le persone, stimoliamo la voglia di scoprire e conoscere, e di ragionare sulle cose. Da sempre le storie spingono all’azione. Ascoltare una storia non è mai un atto passivo ma altamente creativo perché chi ascolta immagina la storia nella propria mente, e riflette sul suo significato e il suo valore; se poi ne ha tratto qualche insegnamento, è spinto ad agire per migliorare.

In questi anni abbiamo creato esperienze narrative per musei, parchi archeologici, associazioni, imprese. Abbiamo realizzato workshop dove si impara, sperimentando, a usare le tecniche di narrazione per comunicare le istituzioni culturali. Tutto questo aveva bisogno di apparire finalmente visibile e chiaro. Ecco perché abbiamo dato vita a un sito web che è figlio del nostro Magazine ma da lui distinto. Per fare chiarezza forse innanzitutto a noi stessi, prima che a tutti voi.

Andate a scoprirlo. È opera dei ragazzi di Dimensioni Creative che sono fantastici. Voi che ne dite?

Autore

  • ​Tre passioni: il mondo antico, la scrittura, i viaggi. La curiosità e l’attrazione per ciò che è diverso perché lontano nello spazio, nel tempo o nel pensiero. La voglia di condividere con tanti le belle scoperte quotidiane. Condividerle attraverso la scrittura. Un solo mestiere possibile: la giornalista che racconta il passato del mondo. Scrive su temi di archeologia, comunicazione dei beni culturali, uso contemporaneo del passato, turismo culturale per i quotidiani La Repubblica e Il Sole 24 ore, e per diverse riviste italiane e straniere. Dirige il Magazine e il Journal di Archeostorie.

Condividi l’articolo sui social

Lascia un commento

0 commenti

Lascia un commento!