Iscriviti alla nostra Newsletter

“Per noi c’è voluto un meteorite”. La versione dei dinosauri

12 Marzo 2020
Hanno popolato il pianeta per milioni di anni. Sono le superstar di ogni museo di scienze naturali, eppure non ne abbiamo mai incontrato uno. La parola ai primi padroni della terra: i dinosauri!

Oh, io ve lo dico fuori dai denti – anche perché i miei denti sono ingombranti.

Avete rotto con questo antropocentrismo!

D’accordo, avete imparato a domare il fuoco, a coltivare le piante, a fabbricare strumenti – e quei maledetti smartphone me li sbriciolerei sotto le zampe, all’ennesimo selfie in posa da T-rex arrabbiato.

Vi siete propagati per il mondo come la gramigna: brave scimmiette! Però adesso basta.

Ve la tirate tanto per un po’ di successo evolutivo? Siete gli ultimi arrivati da queste parti, belli. Noialtri ce la siamo spassata per quasi duecento milioni di anni prima di sgomberare il campo. E c’è voluto un meteorite per debellarci, mica un’influenza.

Poi, lasciatevelo dire: avrete pure inventato il linguaggio articolato, ma fate schifo nella scelta dei nomi. Davvero, parliamone: a noi ‘dino-sauri’, cioè lucertole mostruose, e a voi… ‘Sapiens’. Sapiens? Ma fate sul serio?

Non per smontarvi, eh, ma un animale che distrugge il suo stesso habitat non è che brilli per astuzia.

Io vi vedo: vi spostate in branco da un pannello all’altro, ridendo, vociando e sbracciandovi come gli scimmioni che siete. Fate battute stupide davanti ai miei poveri resti. Vorrei proprio vedere quanto ridereste se noialtri avessimo ancora le nostre belle scaglie, le creste, le piume e tutto il resto!

Un morso e via, di voi resterebbero soltanto le scarpe. Sperando che quest’estate le Crocs siano finalmente passate di moda.

Muse sala grande

La grande sala centrale del Muse di Trento – foto Chiara Boracchi

I vostri cuccioli, almeno, hanno un po’ di rispetto. Non c’è piccolo umano che non ci ami. Incondizionatamente. Quante volte li ho sentiti dire “Da grande voglio fare l’archeologo per studiare i dinosauri!”.

Veramente quelli sono i paleontologi, ma sshh, zitti, non facciamo i precisini.

E guardatevi, povere creature, con quella pelle morbida, niente zanne, niente artigli, nemmeno le ali per scappare alla svelta!

Vi sentite onnipotenti; osate chiudere in gabbia o arrostire allo spiedo i nostri ultimi discendenti, gli uccelli. Date dei ‘polli’ ai membri più stupidi della vostra specie (che è tutto dire).

Un piccolo suggerimento, amici Sapiens. La prossima volta che vedete una gallina, accucciatevi e guardatela negli occhi. Sì, quegli occhietti lucidi e fissi e spietati come due pietruzze nere. Guardate quel becco affilato e inesorabile. Poi immaginate di essere una formica.

Ecco: per un istante siete tornati al posto che vi spetta.

 

PS Quanto a te, virus neonato, fa’ attenzione. Presi da soli, gli umani sono patetici. Ma se c’è una cosa in cui sono bravi è fare squadra: è così che, zitti zitti, si sono presi tutto il pianeta.
Ti fregheranno, alla fine ti fregheranno. E prima di accorgertene sarai un relitto del passato, proprio come noi.
Buon per te che sei troppo piccolo per finire in un maledetto selfie.

Autore

  • Archeologa di formazione, scrittrice per hobby. Fino ad oggi ho scavato, lavorato in un museo, diretto laboratori per bambini, prodotto libretti divulgativi, insegnato greco e latino, scritto brani ed esercizi per le antologie scolastiche, e probabilmente qualcos'altro che ora mi sfugge. Guardo molti anime e vorrei vivere nel castello errante di Howl (ma senza di lui).

Condividi l’articolo sui social

Lascia un commento

0 commenti

Lascia un commento!