Attila, il flagello delle lagune

Il racconto su Attila della nostra Mariangela Galatea Vaglio che ha vinto il premio della critica al concorso letterario “Racconta le origini di Venezia, miti e storie” organizzato da Torcello Abitata.

Galatea Vaglio Attila
Galatea Vaglio col premio, seduta sul cosiddetto Trono di Attila a Torcello

Attila, il flagello di Dio, è sempre stato considerato il responsabile delle devastazioni che spinsero gli abitanti della Altino romana ad abbandonare la città e ritirarsi nelle lagune. Attila sarebbe quindi responsabile, in ultima istanza, dell’origine di Venezia. Tuttavia i nuovi dati dell’archeologia contrastano palesemente con questa tesi, costruita probabilmente ad arte dai veneziani per ammantare di leggenda le proprie origini. E in questo divertente monologo in veneziano, è lo stesso re unno a difendersi dalle accuse ingiuste e chiedere, finalmente, che i veneziani smettano di diffamarlo.

Nota: le parole in grassetto sono tradotte in coda al testo

Attila

Oh, zente, cosa gavè da vardar? Ve domandè chi sogio? Bon, penséghe un momento. So’ un barbaro, vestìo da babaro, sentà sul trono de Atila… chi podarò esser mai? Eh ecco, vedè che ghe rivè? So ‘ Atila, no?

Zerto che da l’ultima volta che so sta da ste bande, lo gavè tirà su ben sto posto!

I fa presto a sigar: «Riva i Barbari!! Scampè! I Unni spaca tuto!». Ma fioi, quando che semo rivai nialtri, non xé che po’ ghe fusse tuta sta roba da spacar, qua, eh.

I ne gaveva dito: «Va’ a Roma, che i Romani xé pieni de schei!»

Pareva che ghe fusse la monela che coreva par strada, roba che ti te stufavi anca de rancurarla! E invece, co semo rivai, fioi, che delusion!

L’impero gera già a tocchi, gavemo dovesto parlar col Papa perché i Romani gnanca i gaveva coragio de vegnir fora…

Sì, par carità, gavemo fato un fiantin de baito, ma del resto, co ti te ga portà drio na brentana de marcantoni de barbari da le pianure de cotanta malora, no xè che co ti rivi di fronte ad Aquileia ti ghe pol dir: «Oh putei, ma racomando, no stemo a farse ricognosser subito, avanti co’ creansa e non ste far casin!»

Però, poso dirvelo? Anche vialtri venexiani, Maria vérgine, ghe gavè ricama sora par secoli su sta roba! Par che sia stada tuta colpa nostra se gavè dovesto scampar via da Altin e vegnir su ste isole, a fondar Venessia…

Mi go capìo che contarla giusta non la gera così bela, la storia.

Cossa ti ghe dixi ai fioi e ai nevodi? So scampà da Altin perché ghe g’era el canal che se impantanava par el fango? Disemoselo fra de nialtri, se megio contar che ti xé scampà dai Unni piutosto che da le pantegane!

Attila Torcello contest letterario
La folla accorsa domenica 14 ottobre per il concorso letterario “Racconta le origini di Venezia, miti e storie” organizzato da Torcello Abitata

Però eco, anca sto trono. Mi ve confesso, xè la prima volta che me sento qua sora.

Ma te par che mi che vegnivo da le stepe, che vivevo in tenda o a cavalo, me fasevo far un trono de piera? E come ti te lo porti drio? Ligà sora el cavalo? Ti lo smonti e ti lo rimonti ogni sera, come se’l fusse sta fato da l’Ikea?

Se vede da questo che vialtri venessiani sé proprio mercanti dentro!

Sta roba… come xè chi la ciama desso… el marketing… ‘nde remengo, lo gavè proprio dentro’l sangue. Se capisse che gavè pensà: «Speta speta, sta carega de piera che la xè massa scomoda par sentarse, come xè che posso farla fruttar qualcossa? Eh ben, disemo che la xé quela de Atila e semo a posto!»

Ve cognosso vialtri, sa! Vedareste anca vostra mare par far schei, figurite na carega sghemba!

Se stai bravi, eh, niente da dir. Perché co so’ rivà mi a veder la laguna, non la gera che na barena piena de fango! Non gavaria mai dito che se ghe ne podesse tirar fora qualcossa. No ghe gera altro che acqua, caligo e mussatti! Parfin mi go tirà dritto, per rivar a Roma sensa perder tempo da ste parti!

E invese vialtri, pian pianelo, ‘na piera via staltra, ve gavè costruio na cità e un impero. Bravi!

Però desso feme un piaser! Moleghela co sta storia de Atila, che no ghe la vanto altro! Nell’aldilà co i altri grandi condotieri ghe fasso sempre un fiantin la figura del mona. E Augusto che ga rifondà Roma, e Alessandro che gà fondà Alessandria, e mi che invese non so sta bon a fondar un caspita, e ansi, l’unica cità i la ga fondata perché me so fato infenociàr e go lassà scampar via la gente da le man. I me dà del tumbano, ostrega!

Femo un patto: vialtri ciapè sti quatro qua, che scava, come xè che i se ciama? Archeologi? Ecco, archeologi. Sentì quelo che i dixe lori che gà studia e che i ve spiega ben quela roba dei canali che se impantanava e de le pantegane, e me lassè in pace, dopo tanti ani.

Mi ve lasso el trono, e stago sitto, cussì podè continuar a spenar i turisti che i se vol far la foto sentai qua sora. Semo d’acordo? Ecco, se demo la man e bona che finìa, fra gentilomeni se se capisse.

Bon, fioi, desso vado, Go da fenir la briscola con Giulio Cesare, el me spetta. E me racomando, ricordeve: el canal impantanà, le patengane. Basta Atila, ve prego, dai.

Lessico

So sta da ste bande: sono stato in questi luoghi
Sigar: gridare.
Baito: confusione.
Brentana: corrente impetuosa, slavina di gente.
Mussatti: zanzare
Moleghela: smettetela.
No ghe la vanto: non ce la faccio più.
Infenociàr: infinocchiare, imbrogliare.
Tumbano: stupidotto.

Iscriviti alla nostra newsletter



Lascia un commento!