GDPR

GDPR, cos’è

Dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il GDPR, acronimo che sta per General Data Protection Regulation, ossia Regolamento Ue 2016/679 per la protezione dei dati personali. Si tratta di un regolamento introdotto dalla Commissione europea per migliorare e uniformare la tutela dei dati personali dei residenti e dei cittadini dell’Unione europea.

In pratica, chiunque conservi e gestisca dati sensibili, come indirizzi email e numeri di telefono degli utenti, deve dare conto di come li utilizza per dimostrare di tutelare la privacy delle persone.

Come molti altri siti web, anche Archeostorie raccoglie due tipi di dati personali: ci sono i dati forniti direttamente dagli utenti che si iscrivono alla nostra newsletter e i dati forniti automaticamente tramite cookie.

I dati forniti dagli utenti

All’atto di iscrizione alla newsletter, chiediamo ai nostri utenti di fornire nome, cognome e indirizzo di posta elettronica: utilizziamo e conserviamo questi dati nel database del sito e nei backup periodici del servizio di hosting, con il solo e unico scopo di inviare, tramite email, informazioni sulle attività di Archeostorie, news e articoli. I dati personali degli utenti sono utilizzati solo ed esclusivamente per le finalità per cui li avete concessi ad Archeostorie, quindi appunto per fornire informazioni e aggiornamenti, e mai per altri motivi. Significa che Archeostorie non divulga e non vende i dati acquisiti dai propri utenti tramite form.

In seguito all’invio della newsletter, la piattaforma utilizzata da Archeostorie (Mailchimp) consente di rilevare l’apertura di un messaggio e i clic effettuati all’interno della newsletter stessa, unitamente a dettagli relativi all’ip e al browser/device utilizzati. La raccolta di questi dati è fondamentale per il funzionamento dei sistemi di rinnovo implicito del trattamento e parte integrante dell’operatività della piattaforma di invio.

I dati forniti automaticamente

I dati raccolti automaticamente sono i dati di navigazione, che pur non essendo raccolti al fine di essere associati specificatamente all’identità dell’utente, potrebbero indirettamente, tramite elaborazione e associazioni con dati raccolti da Archeostorie, consentire la sua identificazione o fornire informazioni utili per analizzare le scelte degli utenti al fine di inviare pubblicità personalizzata.

Attraverso il servizio Google Analytics, inoltre, Archeostorie acquisisce anche dati per sapere quante persone leggono i post, da dove, a quali argomenti sono maggiormente interessate. Si tratta di dati che servono alla Redazione semplicemente per migliorare la qualità del servizio.

Diritti degli utenti

Ai sensi dell’art. 7 del Codice della Privacy e dell’art. 13 GDPR, ogni utente ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza, dell’uso e della gestione dei propri dati personali.

In particolare, vi ricordiamo che l’utente ha diritto di ottenere da Archeostorie l’indicazione:

  • dell’origine dei dati personali;
  • della finalità e delle modalità di trattamento;
  • della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici/informatici;
  • gli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e delrappresentante designato;
  • dei soggetti e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono esserecomunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

Inoltre l’utente ha diritto di ottenere da Archeostorie

  • l’aggiornamento, la rettificazione ovvero l’integrazione dei propri dati;
  • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge;
  • l’accesso ai propri dati e cioè la conferma che sia o meno in corso un trattamento didati personali che lo riguardano;
  • la limitazione del trattamento, la portabilità del dato, cioè il diritto di ricevere in formato strutturato i dati personali che lo riguardano;
  • diritto di reclamo all’Autorità di controllo.

Ricordiamo infine che gli utenti hanno il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che li riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta. In particolare l’utente ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario commerciale o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Come richiedere cancellazioni e modifiche

Gli utenti di Archeostorie possono richiedere di modificare i propri dati o di cancellare la propria iscrizione alla newsletter tramite email, scrivendo all’indirizzo archeostorie(at)gmail.com e inserendo nell’oggetto dell’email “Richiesta di modifica” oppure “Richiesta di cancellazione”, o ancora seguendo la procedura automatica che si attiva cliccando sui link presenti in calce alla newsletter, “aggiornare il tuo profilo” e “cancellare la tua iscrizione”.

Aggiornamenti e modifiche

Archeostorie si riserva il diritto di modificare, integrare o aggiornare periodicamente questa Informativa in ottemperanza alla normativa applicabile o ai provvedimenti adottati dal Garante per la Protezione dei dati personali.

Modifiche o integrazioni saranno comunicate tempestivamente agli utenti tramite link alla pagina Privacy Policy del sito web, e saranno comunicate direttamente agli interessati a mezzo email.