Il lamento di Turno, ovvero l’Eneide ai tempi di Casapound

Turno, il nemico di Enea, è alle prese con sbarchi di immigrati troiani nel Lazio. Un monologo divertente che parla di mito ai tempi di Casapound

Latino accoglie Enea
Ferdinand Bol, Enea alla corte del re Latino (1661-63), Amsterdam Rijksmuseum - wikimedia

Turno: Eh no, eh, nun me potete guarda’ così, come si fussi io quello ch’è cattivo, che pija d’aceto e sta a rosica’ ‘n botto!

Io nun so’ cattivo, io qui so’ l’unico che sta coll’occhi aperti e ha capito sto schifo che ce piove addosso! Ma che, credete che so’ cojone? L’ho visti io, tutti sti negri ‘nfami che ce stanno a invade. Ariveno qua de notte, sbarcheno de nascosto. ‘N so’ mica pochi, so’ tanti come li sorci der Tevere, anzi so’ proprio ‘n Tevere de negracci co le pezze ar culo, omini, donne, vecchi, fijetti che manco cammineno e se li strascineno dietro tirannoli pe’ mano!

So‘ loro che so’ cattivi! Si nun te difenni, te zompano addosso pe’ tutti li cantoni, t’arrubbano pure e mutanne! Vengheno fori da nun se sa dove, da li buchi marci de l’Oriente e ariveno da noi perché s’è sparsa a voce che qua se sta bene. E fischia! Semo noi che ce semo fatti er culo a costrui’ tutto qua attorno! Ma che te credi che ‘na vorta fusse tutto bello, tutto apposto? Prima che ce mettessimo a lavora’, a costa der Lazio era ‘na ciofeca de palude bona solo pe’ anna’ a pesca’, e manco quello!

Adesso ariveno. Comodi, eh?

E poi mica vengheno qua tutti carucci a chiede un po’ de pane pe’ carità dde Dio! No, questi manco hanno messo er piede su ‘a riva che vonno subito ‘a casa, er lavoro, ‘n pezzo de tera pe’ campa’! Se portano dietro pentole, pignatte, pianteno pe’ tera i mammozzoni de li loro deii! Ma manco stessero a casa loro, st’impuniti!

E so’ assatanati! A prima cosa che fanno, allungheno le mano su e donne nostre, je dicono che e vonno sposa’. E ste cretine je credono pure! Pur’io, pe’ dire, c’avevo una… no, mo, nun è che proprio se stava ‘nzieme, eh, che io poi so’ giovane e c’ho tutta ‘a vita pe’ divertimme… però, ‘nzomma se se semo capiti, era robba mia.

Luca Giordano, Enea e Turno, Firenze Galleria Corsini - @wikimedia
Luca Giordano, Enea e Turno, Firenze Galleria Corsini – @wikimedia

E mo t’ariva questo, un marpione tutto ‘mpomatato, tutto ‘n tiro, ma manco fosse ‘n principe o er fijo de ‘na dea! Hai da vedello quanno cammina, che te viene da ammollaje ‘n faccia na cinquina pe’ principio…S’è ‘ntrufolato ‘n casa come ‘n sorcio, s’è allisciato er padre de Lavinia mia bene bene, ja ha fatto du’ moine e quer cojone come me vede me dice: “Sai, mo mi fija s’a sposa lui!”

Abbello, ma che me piji pe’l culo? So anni che m’a meni che tu fija è troppo ggiovane, che nun t’a pozzo manco toccà, famme vede ‘n giro co llei! ‘Na vita senza ‘n bacetto, ‘na palpatina de zinne, manco ‘n lucchetto appeso a ponte Milvio perché sinnò a ggente penza male, e mo’ ariva questo da fori e se sposeno pe’ direttissima? Eccheè?

Ma io mica me faccio fregà da questo, mica so ‘ scemo. Mò m’organizzo: faccio a ronda, e come se prova a entra’ de novo l’aributto fori a carci ‘n culo, lui e tutti i suoi! Vojo popo vede’ come s’infileno, ‘sti quattro straccioni profughi e negracci! Perchè ‘na cosa ha da esse chiara: io nun so’ cattivo, io so’ Turno, er capo de li Rutuli, e lo stronzo nun so’ io, è lui, Enea.

Iscriviti alla nostra newsletter



Lascia un commento!