Cross the Border

foto-ai-musei-di-gorizia

Cross the Border è un progetto di alternanza scuola-lavoro che fa lavorare assieme ragazzi di scuole e provenienze diverse per raccontare il museo della loro città coi loro occhi e i loro linguaggi.
I ragazzi incontrano professionisti della comunicazione, dello storytelling, del videomaking, della fotografia, della modellazione 3D e della comunicazione digitale. Imparano i segreti della comunicazione ma non solo. Scoprono che il museo è un grande contenitore di storie, e che ogni singolo oggetto ne può narrare infinite. E scoprono che il museo narra il passato di tutti noi, e ci fa capire chi siamo e da dove veniamo.
Poi raccontano il museo lavorando in gruppi, e sperimentano così il gioco di squadra, la necessità di gestire tempi e modi del lavoro, di affrontare sfide e difficoltà e superare imprevisti. Così costruiscono il loro sito web, raccontano la loro esperienza nei canali social, e presentano il loro lavoro in pubblico.
Alla fine hanno attraversato molti confini: il confine della diffidenza tra loro, costretti a lavorare assieme; il confine che li teneva lontani dalla soglia del museo; i confini fissati nelle loro menti da diffidenze, paure, idee preconcette, pregiudizi, stereotipi fasulli. Hanno imparato a dialogare col resto del mondo senza limiti di spazio né di tempo. Si sono aperti al mondo.

La prima esperienza di Cross the Border è stata realizzata nel novembre 2017 ai Musei provinciali di Gorizia nella sede di Borgo Castello, e con la partecipazione di studenti di tre scuole della città. È stata reso possibile grazie all’interessamento e al contributo dell’Erpac, Ente per il patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia. Potete leggere un resoconto qui.

Il sito web di Cross the Border, dove trovare informazioni e ammirare i lavori dei ragazzi, è www.crosstheborder.it.